^^Semplice e complesso.  Esempi.

 

Per operare

Secondo la mia esperienza

Semplice Complesso
fermo
equilibrio
un'unita'
poche parti
scomposto

puntuale
variabili complessive
pochi gradi di liberta'
omogeneo
variabile costante
stazionario

regime
reversibile
quantita' giusta

in movimento
disequilibrio
fatto di parti
tante parti
composto

esteso
var interne
tanti
disomogeneo
variabile variabile
variabile

transitorio
irreversibile
quantita' troppo grande o troppo piccola

gas                         liquidi                               solidi
--- complicare --->
semplice                complesso
<--- semplificare ---

d: Come fare per semplificare? Dal complesso al semplice.

Individuare casi di PROGRESSIVA DIFFICOLTA' 

         semplice ----> complesso
                  ||||
dal semplice al complesso con gradini intermedi

Semplicita' intuitiva

Il suggerimento di Galileo e': "iniziare a studiare dal semplice (dopo aver semplificato)"

  1. vedere il fenomeno per intero, e cercare di scomporlo in fenomeni piu' semplici (se possibile)
  2. iniziare a studiare i fenomeni semplici
  3. ricostruire il fenomeno come composizione di fenomeni semplici, e cosi' per la spiegazione

ref: Riduzionismo e olismo.

Per riflettere

Importanza del semplificare

1- didattico/cognitiva

Consideriamo:

per raccordarle e' necessaria la gestione del processo di semplificazione

2- epistemologico/storica

Interna alla disciplina, per cui si fa risalire a Galileo la coscienza della necessita' e potenza di considerare situazioni semplici/semplificate, in modo da poter procedere in una ANALISI SCIENTIFICA, per poi tentare di descrivere la SITUAZIONE COMPLESSA come INTEGRAZIONE DI SITUAZIONI SEMPLICI. ref: Galileo Galilei; pensiero.
Il suggerimento di Galileo e' di iniziare dal semplice, peccato che sia complesso!

Le ragioni del semplice e del complesso.

Proviamo a ricercare le ragioni del semplice e del complesso.

dida: la ricerca degli elementi che concorrono al semplice / complesso, rischia di essere astratta, mentre e' significativa farlo in ogni contesto in cui ci si trova ad indagare. Quindi didatticamente conviene farlo nel contesto, senza fare una ricerca esplicita in genereale; l'elenco puo' essere una riflessione a posteriori quando si e' gia' indagato gli elementi di semplicita' / complessita' in qualche caso. Oppure per comodita' si puo' presentare l'elenco con una trasparenza, pero' senza studiarlo, solo come aiuto per l'indagine in corso.

Dal semplice al complesso. Ri-costruzione del complesso come integrazione di elementi semplici. Albero della complessita'.

Semplice --> complesso --> semplice
semplice --> complesso  complesso --> semplice
comporre
montare
 s/de-comporre
  smontare

lg: verbi che indicano i passaggi semplice<->complesso indifferentemente dal verso: trasformare, elaborare (nel senso di trattare), manipolare, ...

Paragone:
semplificazione / disintreccio
complessificazione / re-intreccio

Gradi di semplicita'/complessita'

Guardare per gradi invece che per classi binarie.
-semplice +semplice, equi: +complesso -complesso
Classificaz: semplice/complesso; ordinamento: dal semplice al complesso.

dida: questo dei gradi di complessita' piuttosto che delle classi semplice/complesso, puo' essere detto di sfuggita senza registrarlo, se il discorso delle gradualita' e' fatto in modo distribuito, sottolineandolo nei vari contesti. Per questo lo metto in fondo.

 

Links

Semplice complesso elementare composto.