^^Allungamento elastico. Prevedere forza e allungamento, e verificare. esp

<< >>
Verificare la previsione
confrontare la previsione con la misura diretta.

Rel .odg|pdf.

Spiega passo-passo calcolo grafico previsione .odg|pdf; in astratto.

Procedimento, in essenza.

  1. Modello. Costruire il grafico idealizzato della corrispondenza a↔F. (F ≡ forza;  a ≡ allung)
  2. F→a. Dato F: 1) prevedere "a" sul grafico, e 2) verifica sperimentale: applicare F alla molla e misurare "a".
  3. a→F. Per dare l'allungamento, appendere un peso NonNoto.
    Dato "a": 1) prevedere F sul grafico, e 2) verifica sperimentale: misurare la forza-pesoNN con la bilancia.

Procedimento in dettaglio

1. Modello

facciamo il meno possibile: 1 sola misura, allungamento con 60g.

  1. Sul foglio delle tracce, segnare la posizione 0=(0gf,0cm)
  2. appendere 60g, segnare posizione, misurare "a" corrispondente, scrivere a lato del segno (60g; allungamento ora misurato, in cm)
  3. sul grafico, disegnare la retta passante per l'origine e per il punto (60gf;a)

2. F→a

  1. Data la forza, prevedere l'allungamento corrispondente col calcolo grafico. F=30gf.
  2. Verificare: appendere una massa per produrre la forza voluta, qui M=30g, e misurare l'allungamento.
  3. ripetere con F=40gf.

3. a→F

  1. Appendere un peso NonNoto, e misurarne l'allungamento.

    Sul grafico determinare il corrispondente peso.

  2. Verificare: misurare il pesoNN con la bilancia.

Per confrontare il risultato sperimentale rispetto alla previsione.

Organizzare il confronto in una tb, 5 colonne: previsione, misura, D differenza, DR differenza relativa, D% differenza percentuale.

Montare l'apparato sperimentale.

Un foglio da fissare dietro la molla, per segnare gli allungamenti.

A fianco del segno-traccia, scrivere la forza e l'allungamento.

L'apparato sperimentale deve essere progettato per permetterlo.

 

Dati 2017. 2-2-2018

N x=F

[gf]

y=a

[cm]

0 0 0
1 60 19
2 30 ?9,6
3 40 ?12,6
4 ?50 15,9

x=F forza che allunga

y=a allungamento

Calc .ods

 

Rel .odg|pdf

     
     

Dati 2016

N x=F

[gf]

y=a

[cm]

0 0 0
1 60 19,8
2 25 ? 8,2
3 35 ? 11,6
4 ? 45 15

x=F forza che allunga

y=a allungamento

Calc .ods

  

 

Dirlo

  1. "retta di comportamento della molla".
  2. Misurare un peso incognito tramite l'allungamento che causa.
  3. Associazioni

    teorico pratico
    previsto accaduto
    calcolato misurato

 

 

 

Approfond

Campionare una grandezza variabile continua.

"Prevedere forza e allungamento" significa

Relazione "Prevedere forza e allung(amento)"

2017:  .odg|pdf    2016: .odg|pdf

 

 

Guida ins

Titolo

  1. Allungamento elastico. Prevedere forza e allungamento. Esp.
    c: oroginale.
  2. Allungamento elastico. Prevedere forza e allungamento, e verificare. esp
    c: 4-2-2018.

Tentativi "Procedimento nel caso in studio"

1° Tentativo

  1. montare l'apparato sperimentale
  2. Fare il modello matematico del comportamento comportamento afF (allungamento in funzione della forza)
    1. Misurare afF
      1. tracciare la posizione 0=(0g,0cm)
      2. misurare l'allungamento corrispondente a 60g
    2. fare tb e grafico cartesiano della proporzionalita'
  3. Prevedere l'allungamento corrispondente ad una assegnata forza
  4. Disegnare il grafico dell’allungamento in funzione della forza, ideale, data una coppia di valori corrispondenti.
  5. Data la forza, prevedere l’allungamento (corrispondente).
  6. Dato l’allungamento, prevedere la forza (corrispondente).

 

  1. montare l'apparato sperimentale
  2. Fare il grafico "cartesiano della molla", cioe' la "retta passante per l'origine" che descrive il comportamento della molla di "allungamento in funzione della forza" (afF)
    1. tracciare la posizione 0=(0g,0cm)
    2. misurare l'allungamento corrispondente a 60g
    3. fare tb e grafico cartesiano della proporzionalita'

2° tentativo

montare l'apparato sperimentale.

  1. Misurare la corrispondenza "allungamento in funzione della forza", e farne il grafico cartesiano
    1. sul foglio delle tracce:
      1. segnare la posizione 0=(0g,0cm)
      2. misurare l'allungamento corrispondente a 60g
    2. sulla relazione: la retta passante per l'origine e per il punto (60g;allungamento ora misurato)
  2. Dato il peso, prevedere l'allungamento corrispondente; per il peso 25g e 45g
    1. Farlo nella realta': appendere i pesi e misurare gli allungamenti.
    2. Confrontare la previsione col risultato sperimentale.
      Organizzare il confronto in una tb: previsione, misura, differenza.
  3. Appendere un peso incognito, e misurarne l'allungamento, per
    1. calcolarne il peso con il grafico della corrispondenza.
    2. Confrontare il risultato con la misura diretta fatta con la bilancia.
      Organizzare il confronto in una tb: previsione, misura, differenza.

 

  1. Appendere un peso incognito, e misurarne l'allungamento, per calcolarne il peso con il grafico della corrispondenza.
    1. Farlo nella realta’
    2. Confrontare il risultato con la misura diretta fatta con la bilancia. Organizzare il confronto in una tb 3 colonne: previsione, misura, differenza.

3° tentativo, pubblicato rel2016

montare l'apparato sperimentale.

  1. Misurare la corrispondenza "allungamento in funzione della forza", e farne il grafico cartesiano.
    1. Sul foglio delle tracce, segnare la posizione 0=(0g,0cm)
    2. misurare l'allungamento corrispondente a 60g
    3. sulla relazione, disegnare la retta passante per l'origine e per il punto (60g;allungamento ora misurato)
  2. Dalla Forza F all'allungamento a, prevedere e verificare.
    1. Dato il peso, prevedere l'allungamento corrispondente; per il peso 25g e 35g.
    2. Farlo nella realta': appendere i pesi e misurare gli allungamenti.
    3. Confrontare la previsione col risultato sperimentale. Organizzare il confronto in una tb, 3 colonne: previsione, misura, differenza.
  3. Dall’allungamento dedurre il peso che lo causa, con il grafico della corrispondenza.
    1. Farlo nella realta’: appendere un peso incognito, e misurarne l'allungamento, e
    2. Sul grafico trovare il corrispondente peso.
    3. Confrontare il risultato con la misura diretta fatta con la bilancia. Organizzare il confronto in una tb 3 colonne: previsione, misura, differenza.

Dis

zoom 50%, 255 colori

 

 

Verificare la previsione
Misurare direttamente la grandezza prevista e confrontarla con la previsione.